noto sicilia
UN TUFFO NELLA STORIA…

Noto è la città del barocco siciliano e il barocco qui in Sicilia orientale significa entrare dentro l’oro, il colore che ti accoglie e ti abbaglia con l’eleganza dei suoi palazzi, le balconate finemente lavorate in ferro ricurvo e pietre scolpite dalle figure grottesche quali sirene, leoni, sfingi, ippogrifi…

Dalle terrazze di quei palazzi i Baroni Nicolaci potevano espandere la loro vista fino al mare, dominando dall’alto l’attività delle tonnare di loro proprietà.

Così si presenta Noto, ancora con quella allure da film il Gattopardo, silenziosa e austera, l’aristocrazia e la Chiesa che creano ricchezza e alterigia.
I pavimenti lastricati e i palazzi costruiti con pietra calcarea, il dorato che nell’ora del tramonto sfuma nel rosa, tutto diventa sfocato, l’atmosfera lenta e rarefatta, il  silenzio rotto dal canto di migliaia di uccelli che abitano gli alberi di piazza XVI Maggio.

Noto merita la visita delle sue molteplici Chiese, della maestosa Cattedrale situata di fronte al Palazzo Ducezio splendido esempio di barocco, oggi Municipio della città, ma soprattutto Noto va “oziata”.

Gustando una granita siciliana o sorseggiando un bicchiere dell’ottimo vino di produzione locale, mangiando polpettine di pesce e finocchietto selvatico, oppure una succulenta parmigiana , rimanendo semplicemente seduti sui gradini della Cattedrale per osservare la vita di Noto scorrere lungo il Corso.

Noto è il quarto comune più grande d’Italia come estensione geografica e include attorno al suo centro delle vere e proprie meraviglie da esplorare.
Come ad esempio Cava Carosello, a pochi chilometri da Noto salendo verso il Monte Alveria  si arriva alle rovine della città vecchia, la Noto antica distrutta completamente dal terremoto del 1693.

Il paesaggio e l’energia sono quasi medioevali, la vista si perde su una vasta distesa rocciosa ricoperta di una vegetazione smeraldo, come un taglio stretto e profondo che affonda dentro la terra si apre un passaggio discendente che conduce a una promessa.

Un mondo di apparente silenzio dentro il quale risuona il ronzio degli insetti e il canto di vari uccelli che si inseguono nell’eco mentre inizia ad arrivare mormoreggiante il suono dell’acqua e della sua frescura.
La vegetazione si infittisce via via mitigando il calore incendiario del sole siciliano e arrivando giù lo scenario che si offre alla vista è quello di un Eden nascosto, inviolato e primordiale, un’esplosione di fiori selvatici e piante spontanee che si specchiano sulle acque fresche dei laghetti spontanei di questo posto magico.

Qui in Sicilia si sa sono passati tutti, varie civiltà e culture che si sono succedute lasciando ognuno una segno della propria presenza, le necropoli bizantine scavate nella roccia, le concerie di origine araba, i resti del Castello medioevale.

… E POI NELLO SPLENDIDO MARE DI SICILIA

E poi il mare! Che il mare sia bello in Sicilia lo sanno tutti, ma qui amici il mare è assolutamente meraviglioso e l’energia è morbida.
Per chi ama gli scogli c’è il vecchio borgo marinaro di Calabernardo, dove dalle calette di Malacala troviamo accesso a un mare limpido e trasparente che sfuma in diverse gradazioni di azzurro e poi verde, l’isolamento e la calma anche nelle stagioni più affollate, la possibilità di fare una lunga camminata lungo il Viale Eolie che costeggia il mare fino al fiume e lo sguardo che punta verso Avola.

Per chi vuole la spiaggia attrezzata c’è il Lido di Noto, dove ci sono diverse strutture balneari situate su una spiaggia lunga e molto ampia, la sabbia bianca, il mare limpido e azzurro.

E infine la perla di quest’area:

la Riserva di Vendicari, selvaggia e incontaminata, splendida nelle successioni delle sue quattro spiagge, ognuna con una sua particolarità, tutte raggiungibili a piedi in una piacevole escursione a piedi lungo la costa.

La sabbia dorata e il mare verde, azzurro e trasparente, il silenzio, la pace, un ombrellone, qualcosa da mangiare e da bere e poi solo più abbandonarsi a questo cielo blu, l’odore e lo sciabordio del mare, lunghi bagni e tanto ozio.

Una visita particolare merita la tonnara di Vendicari, dove fino a metà del secolo scorso si pescavano e lavoravano i tonni secondo antiche tecniche di origine araba, oggi diventato monumento a cielo aperto, quasi un tempio, regna tutto intorno un’atmosfera serafica, un’energia pulita, e sorge così spontaneo il desiderio di rimanere in un silenzio meditativo.
Il mare che si perde all’orizzonte e alle spalle la Riserva con le sue saline, i canneti e le tante specie di  uccelli migratori: trampolieri, aironi, cicogne, fenicotteri…

Di nuovo l’ora del tramonto tinge di magico questo luogo e guardando verso le saline sembra di essere dentro un quadro di Monet dai caldi colori pastello del rosa, del verde e dell’azzurro, tutto si ferma in un silenzio celebrativo della fine della giornata e si rimane quasi sgomenti per tanta profusa bellezza.

E poi ancora la campagna, l’agricoltura che qui è generosa e opulenta: limoni, arance, mandorle, olive, vigneti, pomodori, melanzane…erbe aromatiche spontanee, timo, origano, rosmarino…ogni stagione ha un suo frutto, un suo odore, la ricchezza del sole che nutre i prodotti e i suoi sapori.
In questo angolo di terra c’è ancora quella genuinità di cui abbiamo tanto bisogno, quei valori legati alla semplicità della terra.

Venire a Noto significa conoscere ed esplorare tutto questo, e se ancora non bastasse, se aveste molto tempo potete muovervi da qui verso altri luoghi bellissimi e pieni di storia: Siracusa, Ragusa, Modica, l’isola delle correnti dove il Mar Ionio incontra il Mar Mediterraneo, la Riserva di Pantalica, ecc…

MEDITAZIONE, YOGA E CORSI DI CUCINA MEDITERRANEA

Io sono Roberta, mi sono trasferita a vivere qui da Torino più di quattro anni fa, avevo in programma un periodo sabbatico di pochi mesi ma ho capito molto presto che da qui non me ne sarei più andata.
Penso di non dover spiegare le ragioni!
In inverno insegno yoga e faccio trattamenti di aromaterapia con olii essenziali naturali distillati da tutte le piante officinali che la Sicilia ci offre.
D’estate lavoro con i visitatori, cioè quei turisti che amano fare delle esperienze legate alla terra, alla luce, agli odori, alla contemplazione meditativa di questi posti.

Le esperienze che propongo sono: Yoga al mare, passeggiate meditative dentro la Riserva di Vendicari, Esperienza di aromaterapia per andare a scoprire in natura le piante che si distillano e poi ascoltare gli olii essenziali ed imparare un piccolo auto-massaggio con olii, Trattamenti completi di aromaterapia, Classi di cucina mediterranea per imparare ricette della tradizione contadina e popolare, con l’intento di recuperare un modo di cucinare sano e gustoso allo stesso tempo.

Non rimane dunque che prendere una valigia piena di gioia e venire qui in Sicilia, dove c’è la culla della nostre origini, vi aspettiamo!

 

Contatti: Roberta +39 340 8009536 – rchianello72@gmail.com – Facebook Noto Experiences – www.noto-experiences.it

Condividi: